LELIO BONACCORSO: DA PEPPINO IMPASTATO A JAN KARSKI – PROGETTO CULTURALE CON LE SCUOLE

Prima locandina del progetto, dedicata al primo ciclo di incontro. © degli aventi diritti, per gentile concessione
Prima locandina del progetto, dedicata al primo ciclo di incontro. © degli aventi diritti, per gentile concessione

Sono iniziate il martedì scorso (19 novembre) presso l’Istituto Comprensivo “U. Foscolo” in Barcellona Pozzo di Gotto le nuove attività dell’associazione culturale Fumettomania Factory con il progetto Leggendo un Fumetto.

A circa quindici anni di distanza dal Corso di fumetti per adolescenti (1997), alla luce di alcune considerazioni e riflessioni effettuate negli ulti dodici mesi,  abbiamo ripensato un progetto sperimentale con incontri, letture, dibattiti sul fumetto ed eventuali laboratori di disegno, con Fumettomania e con l’autore messinese Lelio Bonaccorso, da realizzarsi presso gli Istituti Scolastici Comprensivi di Barcellona Pozzo di Gotto. Al momento in cui scrivo ne sono stati realizzati 2: nell’Istituto Comprensivo “U. Foscolo” con due classi della Scuola Media, e nell’Istituto Comprensivo “L. Capuana”. La prossima settimana avemmo altri due incontri, presso l’Ist. Comprensivo “D’Alcontres”  e presso l’Ist. Comprensivo “B. Genovese”.

DSCN2659
All’istituto “U. Foscolo” , Mario parla del fumetto “Topolino”. Per gentile concessione, © dell’associazione culturale Fumettomania Factory.

Abbiamo scelto di andare nelle Scuole, per capire se una progettualità a lunga scadenza (tre mesi circa è la durata del progetto) con gli studenti della scuole medie può funzionare, e nel contempo per stimolare i ragazzi nella conoscenza del linguaggio dei fumetti.
Abbiamo scelto due opere a fumetti di  Marco Rizzo-Lelio Bonaccorso, “Peppino impastato – un giullare contro la mafia” (2009, Ed. Beccogiallo) e “L’invasione degli scarafaggi – La mafia insegnata ai bambini”  (2012, Ed. Beccogiallo), perché hanno come comune denominatore: l’impegno sociale, la denuncia della mafia ed il sacrificio di persone comuni diventate eroi.

6 ISTITUTI COMPRENSIVI
12 INCONTRI
4 AUTORI PROFESSIONISTI
2 ROMANZI A FUMETTI
1 MOSTRA ESPOSITIVA FINALE, con PRESENTAZIONE DI UN NUOVO ROMANZO A FUMETTI

Il progetto è costituito da due cicli di incontri (due incontri per ogni istituto) di un’ora circa ciascuno:
nel 1° incontro,  illustro brevemente quali sono i fumetti che i ragazzi possono trovare in edicola, i bonelliani, Topolino, i fumetti supereroistici della Marvel-Panini, della RW Lion, Diabolik, i manga; do qualche cenno storico, qualche informazione sui formati, sui tempi di lettura, ed a poco a poco spiego loro che ci sono ache tanti altri fumetti che non si trovano in edicola, che se vanno nelle librerie in un fumetteria o ad Fiera di Fumetti potranno travate tanti libri a fumetti, tanti romanzo a fumetti, italiani, francesi, inglesi e USA. Spiego brevemente cos’è un graphic novel, che la maggior parte dei libri  fumetti escono in Francia, che in Italia abbiamo una discreta produzione. Mentre spiego loro tutte queste cose faccio vedere i vari fumetti di cui parlo sia con immagini proiettate sia fisicamente. Cerco di porre delle domande e di creare già un primo momento di dibattito.

DSCN2662
All’istituto “U. Foscolo” , Fabrizio parla della figura  Peppino Impastato e del fumetto dedicato ad Impastato. Per gentile concessione, © dell’associazione culturale Fumettomania Factory.

A quel punto passo la parola al mio amico e socio dell’associazione,  Fabrizio Scibilia, giornalista, scrittore di testi per commedie, per cortometraggi e per documentari,: che parla ai ragazzi di Peppino Impastato, di Lelio Bonaccorso, del film “I cento Passi” e del romanzo a fumetti “Peppino impastato – un giullare contro la mafia” (2009, Ed.Beccogiallo). Nel primo incontro, le due classi erano informatissime su Peppino e questa ci ha stimolato molto, nel secondo incontro le 4 classi (2 della scuola media e 2 della scuola primaria), conoscevano poco la figura di P. Impastato ma sono stati molto curiosi e ci hanno tempestato di domande, anche le più impensate.

Durante il primo incontro cerchiamo di spiegare ai ragazzi che il nostro è un’introduzione alla lettura del libro su Peppino Impastato, e che l’obiettivo è stimolarli alla lettura dello stesso libro, che le classi  effettueranno sia insieme ai loro professori sia da soli, poi faranno delle riflessioni, dei commenti, e si prepareranno per il secondo incontro con l’autore.

DSCN2671
All’istituto “L. Capuana” , Mario parla dei fumetti bonelliani mostrando l’ultima serie appena uscita, “Orfani”. Per gentile concessione © dell’associazione culturale Fumettomania Factory.
DSCN2674
All’istituto “L. Capuana” , Fabrizio parla di Peppino Impastato e del fumetto dedicato a ad Impastato. Per gentile concessione © dell’associazione culturale Fumettomania Factory.

AGGIORNAMENTO DEL 19 DICEMBRE  2013

Il primo ciclo è terminato il 18 dicembre 2013 con l’incontro nella Scuola Media “G. Garibaldi”, di Castroreale, che ha aderito a fine novembre per volontà dell’Assessore  Giusy Pino e del Prof. Pantò. Anche durante questo incontro le due classi, una 3a ed un 2a, hanno seguito incuriositi la prima e la seconda parte dell’intervento.

Da oggi ci sarà la pausa natalizia; a gennaio, all’ apertura delle scuole, presso la Libreria Ar Libri di Rizzo Antonino arriveranno i libri ordinati dalle varie scuole e saranno distributi nelle classi che hanno partecipato al primo incontro., che potranno leggere il romanzo a fumetti commentarlo con i professori, fare delle riflessioni e prepararsi perii secondo incontro.

La seconda fase del progetto inizierà la prima settimana di  febbraio (dunque slittato di 2 settimane rispetto a quanto pensato), per permettere 2014, i ragazzi delle 6 Scuole di leggere. discutere e riflettere sull’opera di Bonaccorso-Rizzo.

Alla Scuola Media “G. Garibaldia” , l’Assessore Giusy Pino presenta la nostra l’associazione culturale ed il progetto su Peppino Impastato . Per gentile concessione © dell’associazione culturale Fumettomania Factory.

Da febbraio, per quattro settimane gli studenti  potranno interagire direttamente con Lelio, oppure con Marco Rizzo (scrittore di “Peppino impastato – un giullare contro la mafia e di tanti altri romanzi disegnati da Lelio), con uno dei co-Direttori della Scuola del fumetto di Palermo, e con Graziano Delorda, giovane scrittore messinese che sta pubblicando, insieme a Lelio, delle belle vignette sul quotidiano on line Tempo Stretto .

Il progetto, infine, si concluderà a Marzo,  con la realizzazione della Mostra espositiva dedicata alle opere di Marco Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso e con presentazione del loro nuovo romanzo a fumetti: Jan Karski – L’uomo che scoprì l’Olocausto (Rizzoli Lizard editore), in pubblicazione a gennaio in Italia. Sarà  un momento culturale al quale potranno partecipare sia tutte le scuole, sia la cittadinanza.

La mostra sarà allestita sia con tavole originali del loro nuovo romanzo a fumetti, Jan Karski (Rizzoli Lizard), in pubblicazione a gennaio 2014 e di altre opere precedenti di Lelio Bonaccoso, sia con stampe dei lavori precedenti dei due autori siciliani.

Come abbiamo già detto ai ragazzi delle scuole:
<<Quando abbiamo fondato l’associazione culturale, nel 1991, bisognava andare alla fiere del fumetto a Lucca, a Roma, a Bologna, a Cremona, per incontrare, conoscere e vedere le opere originali di un’autore di fumetti. Da alcuni anni, invece, tra Trapani e Catania, ci sono almeno una dozzina di ottimi autori di fumetti, ed abbiamo l’opportunità di conoscerli e farli conoscere alle nuove generazioni. Questo è il tempo per organizzare incontri, dibattiti, mostre.
Se non lo facciamo abbiamo perso una grande occasione.>>


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi