COMIC TRIBUTE 40 – SPIDERMAN

Agosto, mese di vacanze, di bagni al mare, di riposo, per noi lettori di fumetti è anche il mese di Spiderman. Nell’estate del 2012 non si era ancora spento l’eco del nuovo film dell’arrampicamuri (il reboot); a quattro anni distanza, è seguito un secondo nuovo film sull’arrampicamuri e c’è stata (questa molto più importante) la sua presenza nel film “Capitan America: Civil War“, per non parlare degli eventi fumettistici, del Superior Spiderman, del Ragnoverso, di Secret Wars, e delle nuove serie Marvel pubblicate in Italia d qualche mese. Lunga vita, dunque, a Spiderman.
M.B.
08-08-2016

Buon compleanno, vecchio Spidey
di Carlo Scaringi

(riproposta. prima pubblicazione 08-08-2012 con qualche aggiornamento a cura di Mario B.)

Con cinquantaquattro anni alle spalle e quattro collane mensili, quella originaria che ha chiuso nel dicembre del 2012 con il n. 700 numeri (all’inizio la periodicità era per lo più bimestrale); per poi continuare  con la collana The Superior Spider-Man (31 numeri); nel 2014 con nuovamente Amazing Spiderman, per arrivare al 2015 con la nuovissima serie, iniziata subito dopo gli sconvolgimenti dell’intero Universo Marvel causati da Secret Wars, Spiderman, ovvero l’Uomo Ragno o più familiarmente Spidey, gode tuttora buona salute, come hanno confermato anche gli ultimi film di una serie già lunga.  L’arrampicami è nato nell’agosto 1962, (come il biondo Thor), sempre a opera di Stan Lee, in coppia col disegnatore Jack Kirby. tumblr_m4drt4pnPk1qalqero1_500Allo sceneggiatore, ormai boss in pensione della Marvel, si devono quasi tutti i supereroi degli anni Sessanta, anche se in realtà la prima idea di Spiderman fu di Kirby che propose alcune tavole preparatorie a Stan Lee. Ma alla Marvel erano pieni di dubbi, quasi anticipando tutti quei problemi che Spiderman avrebbe avuto e continua ad avere ancor oggi. Il ragno è un animaletto che fa ribrezzo e paura, molti lo uccidono sfidando la fortuna, dicevano alla Marvel, e poi un teen-ager che diventa un eroe, un mito addirittura, in un’età in cui i suoi compagni vanno ancora al liceo, e poi quella vecchia zia petulante e assillante. I dubbi durarono alcuni anni, prima di venir spazzati via dalla decisione di Stan Lee di affidare la prima storia a Steve Ditko, e inserirla, nell’agosto 1962, sull’ultimo  numero di una collana, Amazing Fantasy, di cui era stata già decisa la chiusura. Invece fu un successo e i lettori tempestarono la casa editrice per sollecitare la continuazione delle avventure. Kirby King of Comics 126L’Uomo Ragno sarebbe tornato nel marzo 1963 in una collana interamente dedicata alle sue imprese e intitolata Amazing Spiderman. Se nel primo episodio si narrava soprattutto la genesi del supereroe, divenuto tale dopo il morso di un ragno radiattivo, nel secondo troviamo Spiderman alle prese con il Camaleonte, un infido trasformista, pericoloso, malvagio, anche traditore perchè dopo aver trafugato dei piani militari, ovviamente segreti, li vende ai russi. E’ questa una delle poche storie con un risvolto politico e propagandistico, giustificato peraltro dal clima di guerra fredda tra USA e URSS di quegli anni.A differenza di molti altri suoi colleghi in tuta da lavoro, Spiderman si scontra per lo più con nemici – terribili, pericolosi, cattivi – che si ricordano per le loro caratteristiche fisiche, da Goblin, il folletto verde, all’Uomo di Sabbia che sguscia tra le mani, proprio come sabbia, da Octopus, che come una piovra ha una serie di braccia metalliche attaccate al corpo, all’Avvoltoio, una sorta di gigantesco rapace umano, da Mysterio, truffatore e ipnotizzatore allo Scorpione creato da un singolare scienziato con la complicità dell’editore del Daily Bugle, il giornale che conduce una spietata campagna contro l’Uomo Ragno. E’ singolare il rapporto che si è instaurato tra Peter Parker –  questo il nome del giovanotto trasformato in un mito da un ragno cattivo – e J.J. Jameson, l’irascibile boss del giornale: quando Parker gli vende foto sensazionali sulle imprese di Spiderman, Jameson lo ricompensa, con pochi soldi e tante promesse, senza sospettare che i due personaggi sono in realtà un’unica persona. Non è una novità, perchè tutti i supereroi hanno un’identità che vogliono  tenere segreta, ma nelle storie di Spiderman questo “tormentone” diventa quasi una storia nella storia. Tutti gli autori che si sono succeduti alla coppia Lee-Ditko hanno conservato questo clima di apparente mistero.
E’ quasi impossibile elencare gli autori (John Romita, Gil Kane, Ross Andru, Tom de Falco, Jim Mooney, Mc Farlane, John Romita Jr., Dan Slott, ecc.)  che in questo mezzo secolo hanno arricchito l’universo di Spiderman: ciascuno ha dato il suo contributo, sia sul piano grafico che narrativo, ma salvaguardandone lo stile.
Nel corso degli anni Spiderman ha avuto momenti drammatici alternati con altri felici, per esempio nel 1987 col matrimonio con Mary Jane Watson, la ragazza della porta accanto che la vecchia zia gli aveva fatto conoscere nei lontani anni Sessanta. Ci sono stati incontri e scontri con altri supereroi (i Fantastici 4, Daredevil, Hulk, ecc.), è stato proiettato nel futuro, nel ciclo Spiderman 2099, ha trascorso una breve parte della sua vitanel corpo morente di Doc Octopus, e poi in una specie di limbo, tutto questo mentre il suo acerrimo nemico “occupava”, potenziava e stravolgeva la vita ed il corpo di Peter Parker facendone un Superior Spiderman; qualche volta – soprattutto all’inizio – ha svelato casualmente il suo volto, ma nessuno ha creduto che il giovane Peter Parker, quasi gracile e timido, fosse Spiderman.
Qualche volta ha perfino dovuto rattopparsi la tuta, strappata in uno scontro più violento di altri, ma per tutti è sempre stato, e resta, l’Uomo Ragno, il più umano e forse il più credibile dei supereroi.
Immagini e marchi registrati sono © dei rispettivi autori e degli aventi diritto
e vengono utilizzati  esclusivamente a scopi conoscitivi e divulgativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi