TALBOT Bryan (Sunderland-UK)

x-default

In seguito al minitour in sicilia, effettuato lo scorso 5-9 giugno dalla coppia Mary&Bryan Talbot, ho modificato la pagina dedicata al pluripremiato autore inglese, e ne inserirò (entro fine agosto) una nuova dedicata alla moglie Mary. Qui ho lasciato la biografia in inglese, ho aggiunto la versione in Italiano, ed ho aggiunto una serie di immagini che Bryan mi ha inviato per realizzare dei pannelli, quest’ultimi utilizzati sempre lo scorso mese di giugno per gli incontri a Palermo, a Barcellona P.G. e a Catania (ad EtnaComics 2013).

Mario B.

DSCN1678

information sheet
Born: 24 February 1952, Wigan, Lancashire

14_M&B05_ritagliata
Foto recente (29 gennaio 2013) di Bryan e Mary, in occasione della consegna del premio Biography Costa Book Award 2012. Per gentile concessione © Bryan e Mary talbot

Educated: Wigan Grammar School, Wigan School of Art, Harris College, Preston, Lancs – Diploma in Graphic Design

First published illustrations appeared in Mallorn, the British Tolkien Society Magazine1969. In 1971 he drew the cover to the first issue of Dark Horizons, the magazine of the British Fantasy Society.

First published comic strip: Superharris, a weekly strip for the college newspaper. in collaboration fellow student, the cartoonist Bonk. 1972

02_Brainstorm2Page7

Bryan worked in British underground comics for five years, creating, writing and drawing the Brainstorm Comix series for Alchemy Press. The first three issues, the Chester P. Hackenbush Trilogy (1975 -78), were reprinted in one volume entitled BRAINSTORM! in 1982. Hackenbush was later Americanised into Chester Williams by Alan Moore for the DC series Swamp Thing. Brainstorm six featured The Omega Report (1978), a popular story which blended Sci-Fi, rock music and comedy into a private detective pastiche. A twenty-five year anniversary book collecting all this material in a 120 page trade paperback was published in 2000 entitled, again, BRAINSTORM!

In 1978, Bryan began the monthly one-page serial Frank Fazakerly, Space Ace of the Future, a space opera parody for Ad Astra magazine. This was later reprinted in one volume.

This year also saw the beginning of his epic saga The Adventures of Luther Arkwright in Near Myths, reprinted and expanded in 1981 in the ground-breaking comic art magazine Pssst! In 1982 the first collected volume of Luther Arkwright was published by Never Ltd. This book and Raymond Briggs When the Wind Blows, published in the same year, are usually considered the first British graphic novels, though the serialised form of Arkwright pre-dates the latter by four years.

In 1982 Bryan produced many illustrations for pop music magazines and 100 illustrations for a series of German role-playing-game books. He also wrote and drew the underground-style SF comedy-adventure strip Scumworld for a year in the weekly rock music newspaper Sounds.

In 1983 he began working for the weekly SF comic 2000AD. In collaboration with writer Pat Mills, Bryan produced three books in the popular Nemesis the Warlock series reprinted at the time by Titan Books and again in November 2006 by Rebellion Books. His work on Nemesis won him four Eagle Awards. He also worked on Judge Dredd by Alan Grant and John Wagner, which included production of full-colour strips for the 2000AD annuals and a twenty page RPG strip in the first issue of Diceman.

Tavola tratta dal primo libro su Luther Arkwright. Per gentile concessione
Tavola tratta dal primo libro su Luther Arkwright (Valkyrie Press, Dark Horse), Per gentile concessione

Returning to The Adventures of Luther Arkwright, he completed the story in a 9 issue comic book version published by Valkyrie Press. This was followed by the three volume trade paperback reprint edition in Britain from Proutt and the American edition of the comicbook from Dark Horse. Nominated for eight Eagle awards at the 1988 UK Comic Art Convention, the Valkyrie edition won Bryan four. In 1989 Arkwright won the Mekon award given by Society of Strip Illustration for ‘Best British Work’.

The story, with its blend of science fiction, historical, espionage and supernatural genres, its experimental, narrative techniques and avoidance of sound effects, speed lines and thought balloons was a seminal work. Garth Ennis, Warren Ellis, Grant Morrison, Steve Bissette, Neil Gaiman, Michael Zulli and Rick Veitch among others have all acknowledged its influence. It now has a strong cult following and has inspired fanzines devoted to the Arkwright mythos. Prose stories based on Arkwright have been written by SF authors John Brunner and Colin Greenland. The Luther Arkwright Role-Playing Game was published in 1993 by 23rd Parallel Games and a brand new Arkwright RPG by Hogshead Games is currently in production. The whole story was reprinted in a single volume by Dark Horse, now in its 4th printing. Last year saw the sale of the film option to Koukou Productions and the three-hour audio drama adaptation by Big Finish was released, staring David Tennant as Arkwright. It is published in eight countries.

Over the last 15 years Bryan has produced work for the American company DC Comics on titles such as Hellblazer (with Jamie Delano), Sandman (with Neil Gaiman) and the 200 page prestige format creator-owned series The Nazz (with Tom Veitch). The Spanish edition of the Constantine story The Bloody Saint won the Haxtur Award for best short story. The Sandman Special #1, The Song of Orpheus, was nominated for a Harvey Award. He wrote and drew Mask, a two-part Batman story for Legends of the Dark Knight. Nominated for two Eisner awards, it was reprinted in 1996 with the addition of one extra page in Dark Legends. The Spanish edition of Weird Romance, his four-part story arc for The Dreaming, won the Haxtur Award for Best Writer.

sa_talbot95_8
The Luther Arkwright, schizzo realizzato all’Expocartoon del 1996. Per gentile concessione

In the late nineties, he worked on two six-issue miniseries, drawing Teknophage (wr. Rick Veitch) and writing Shadowdeath (Art David Pugh), published by Tekno Comix. For Cult Press, he produced the covers for the cyberpunk comic series Raggedy Man.

Bryan has created a variety of comic strips and illustrations for publications as diverse as Imagine, Street Comics, Slow Death, Vogarth, the Paradox Press Big Books, Stardust, Transmetropolitan, The Radio Times, Wired, Spin, Knockabout, i.t. and the Manchester Flash. For Xpresso he teamed up with top European writer Matthias Schultheiss to create Brainworms. He has produced illustrations, including covers for DC Superheroes Monthly, Octobriana, Dan Dare, Wizards of the Coast, Nemi and Computer and Video Games, art prints, posters, badges and logos. In 1992 he was honoured to be one of the contributors to the first Arzak portfolio published by Moebius’ Starwatcher Graphics. In 1997 Knockabout Comics published X-directory – the Secret Files of Bryan Talbot, a thirty-two page collection of black and white short strips.

He’s also worked as a full-time graphic designer for the Longcastle advertising agency and British Aerospace.

In 1981 he worked with Science Fiction writer Bob Shaw on the Granada TV Arts programme Celebration to produce Encounter with a Madman (Dir. David Richardson) and in 1994 he produced the concept illustrations for a TV movie adaptation of a Ramsey Campbell story, Above the World.

05_BadRatHardbackCoverHis graphic novel The Tale of One Bad Rat, won an Eisner Award, a Comic Creators’ Guild Award, two UK Comic Art Awards, two US Comic Buyers’ Guide Don Thomson Awards , a Parent’s Choice Award and a Squiddy – the Internet Comic Award – for Best Graphic Novel. It was nominated for The National Cartoonists’ Society of America’s Rueben Award, a Harvey Award, a James Tiptree Jr. Award and a British Library Award. In 1998 it appeared in the New York Times annual list of recommended reading and is a set text in some schools and universities. It has been published in ten countries.

The book deals with the after-effects of child sexual abuse. It is used in several child abuse centres in Britain, America, Germany and Finland. The book will be republished in the UK by Jonathan Cape next August as the first in their new series “Classic British Graphic Novels”.

Copertina del volume Earth of Empire, continuazone della saga di luther Arckwright. Per gentile concessione
Copertina del capitolo 1 di  Hearth of Empire, continuazone della saga di Luther Arkwright, Dark Horse. Per gentile concessione

His 284 page Luther Arkwright graphic Novel, Heart of Empire, was published in nine parts by Dark Horse, winning an Eagle Award and nominated for two Eisners. It was published in one trade paperback volume and a signed, limited edition hardback in 2001 along with A CD-Rom version complete with over 65,000 words of commentary and a wealth of extra visual features. The Spanish edition won a Haxtur in 2003 and was nominated for an award at the Barcelona Festival in 2004. This year Big Finish will release the audio drama version, with David Tennant reprising his role as Arkwright.

In the last few years Bryan has produced illustrations and covers for various magazines and Internet web sites, including character sketches and frontispieces for Gwyneth Jones’s Bold as Love series of novels, and has drawn and painted Sire – a four-page Vampire strip for France’s Editions Carabas. He pencilled the 4 issue miniseries The Dead Boy Detectives and the Secrets of Immortality, written by Ed Brubaker, and pencilled and inked Bag O’ Bones, written by Bill Willingham, for the Fables series by DC Vertigo and wrote and painted Memento, a twelve-page full colour “silent” strip for 2000AD.

Illustrazione tratta da bold as love. Per gentile concessione
Illustrazione tratta da “Bold as Love”. Per gentile concessione

His book of prose anecdotes about the comic industry, The Naked Artist, illustrated by Hunt Emerson, was published in 2007 by Moonstone and nominated for a Harvey Award.

In December 2007, NBM published The Art of Bryan Talbot, a collection of some of the many magazine and book illustrations produced over the past thirty years. He wrote the graphic novel Cherubs! – a supernatural comedy-adventure drawn by hot indy artist Mark Stafford for Desperado Comics, published in Spring 2008.

The 320 page graphic novel Alice in Sunderland and was published in 2007 by Jonathan Cape in the UK and Dark Horse in the USA. The UK edition is now in its fourth printing. There are also editions in Italy, Spain and the Czech Republic. It was nominated for a Quill Award, an Eagle, a Harvey and an Eisner.

The steampunk detective thriller graphic novel Grandville was published in the UK in 2009 by Jonathan Cape in the UK and in seven other countries. His new book is another in the series, Grandville Mon Amour. The sequel Grandville: Mon Amour was published in November 2010.

tavola tratta dal nuovo libro "Grandville", uscita ad ottobre del 2009 anche in Italia
Tavola tratta dal primo libro di “Grandville”, uscito ad ottobre del 2009 anche in Italia. per gentile concessione

Bryan has held six one-man Comic Art exhibitions in Lancashire, London, Tuscany, Finland, Sweden and New York, appeared in numerous others and is a frequent guest at international Comic festivals. In 1998, he taught a five-day comic course at Ouro Preto University, Brazil and in 2004 he lectured at the Comic Art School in Florence. He teaches the Creative Writing for Graphic Novels residential course for the Arvon Foundation.

In 2000, he received the annual San Diego Comicon Inkpot Award for “Outstanding Achievement in Comic Arts”. In Adult Comics by Roger Sabin (Routledge 1993) he is cited as one of the creators of the graphic novel form. In July this year he was awarded an honorary doctorate for his “Outstanding contribution to the Arts as writer and graphic artist” by Sunderland University.

In January, 29,2013 Winner of the Costa biography award for Dotter of Her Father’s Eyes, with Mary Talbot. In November of 2012, in the context of Lucca Comics and Games 2012 Bryan has received the certificate worthy of honorary member of the Italian cultural association Fumettomania factory.

For a complete list of Bryan’s work, see thehttp://www.bryan-talbot.com/biog/stripography.php

His website is at: http://www.bryan-talbot.com

09_GrandvilleTPB

sa_talbot_DBD_Underground
Vignetta estratta dalla miniserie “The Dead Boy Detectives and the Secrets of Immortality”, written by Ed Brubaker. Inedita in Italia, per gentile concessione © degli aventi diritti

 

BIOGRAFIA IN BREVE (in Italiano)

Talbot debutta nel campo del fumetto nel 1969, e la sua prima strip è del 1972.

I suoi primi fumetti che lo fanno conoscere a livello nazionale in Inghilterra sono del 1975-78, fanno parte del filone underground, e vennero poi ristampati nel volume BRAINSTORM! Nel 1982.

03_LutherArkwrightTPCoverLa prima opera che fece conoscere Bryan a livello internazionale fu The Adventures of Luther Arkwright, iniziata nel 1978 come una storia unica a puntate, poi raccolta in un volume, che si trasformarono in 4 volumi (il 1° del 1982, il 2° del 1988, il 3° del 1990 ed il 4° nel 1992). Quest’opera viene considerata dalla critica il primo graphic novel inglese. Nel frattempo, nel 1983 Bryan lavorò in settimanale di fumetti di fantascienza 2000AD, e con lo scrittore Pat Mills produsse tre libri su Nemesis the Warlock (questo fumetto era ambientato in uno “steampunk “vittoriano, con un carattere fortemente antirazzista, e fece vincere a Talbot 4 Eagle Awards). Nel 1988 il primo volume del “Le avventure di Luther Arkwright “, viene ripubblicato in 9 comic book in Inghilterra dalla Valkirie Press e negli Stati Uniti dalla Dark Horse. In Nomination per otto Eagle awards alla UK Comic Art Convention del 1988, i 9 comic book ne vincono quattro. Nel 1989 Arkwright vinse anche il Mekon award istituito dalla Society of Strip Illustration. La storia del graphic novel , è una miscela di fantascienza (con Terre parallele, viaggi nel tempo e nello spazio), con elementi storici, politici, religiosi, spionistici, e soprannaturali, è molto sperimentale (in considerazione dell’epoca di realizzazione), sia a livello di tecnica narrativa, sia graficamente (l’autore infatti ha evitato gli effetti sonori, le linee di velocità e i ballon che contenessero i pensieri). Il disegno è ricchissimo di dettagli e di scelte innovative nel layout delle tavole

Bryan TalbotBryan lavorò tra la fine degli anni ’80 e l’inizio anni ’90 per DC Comics su Hellblazer (con Jamie Delano), su Sandman (con Neil Gaiman) e con la maxiserie di 200 pagine the Nazz (nel 1990, con Tom Veitch). La storia “Sandman Special# 1 : Il Canto di Orfeo”, è stato nominato per un premio Harvey. Anche se, a mio avviso, un’altra storia : Sandman n.30 – “August”, ambientata nella Roma imperiale è di gran lunga superiore come qualità, sia nei testi (di Gaiman) sia nei disegni di Bryan. L’autore in quegli anni scrisse e disegnò Mask, una storia in due parti di Batman per la collana “Legends of the Dark Knight”. Per questa storia, fu nominato per due premi Eisner.

Nel 1994-1995 dopo circa due anni di lavorazione viene pubblicato il graphic novel più famoso di Bryan: The Tale of One Bad Rat (La Storia del Topo Cattivo), che narra il percorso interiore ed esteriore di una giovane ragazza che ha subito molestie sessuali all’interno della sua famiglia; nel racconto l’autore utilizza l’espediente del topo cattivo, preso da uno dei personaggi della famosissima scrittrice ed illustratrice per l’infanzia, Beatrix Potter (1864-1943), sia come metafora, sia come metalettura. La Potter fu la creatrice di tanti libri tascabili per bambini, che lei scriveva ed illustrava con tanti animali antropomorfi, nonché del personaggio Peter Coniglio (in Inghilterra è più famosa di Walt Disney), e, a sua volta, ebbe un’infanzia davvero infelice. Bad Rat è una storia di forza e di dolore e di sopravvivenza. Questo graphic novel, ha vinto 7 premi tra cui un Eisner Award, e due Comic Art Awards UK.

Nel 1998 il volume è apparso sul New York Times nell’elenco annuale delle letture consigliate ed è un testo in alcune scuole e università. E’ stato pubblicato in dieci paesi ed è utilizzato in diversi centri di abusi su minori in Gran Bretagna, America, Germania e Finlandia.

06_Teknophage6CoverNella metà degli anni Novanta, Talbot ha lavorato su due miniserie di sei numeri, disegnando Teknophage (nel 1995 con wr. Rick Veitch) e scrivendo Shadowdeath (Art David Pugh), pubblicato da Tekno Comix. Teknophage, così come Luther Arkwright e come Nemesis è un fumetto steampunk. Prima c’era il Cyberpunk, la fantascienza dell’era informatica, poi negli anni più recenti è arrivata la corrente steampunk, neologismo che fonda la parole “vapore” (steam) con l’irriducibilità e al trasgressione del “punk”. La maggior parte delle storie ( Film, romanzi, fumetti ) di questo genere ha come sfondo la svolta vittoriana del diciannovesimo secolo, ovvero l’Inghilterra dell’era industriale.

 

07_HeartOfEmpireEmpress
illustrazione estratta da “Cuore dell’Impero”, continuazone della saga di Luther Arkwright, Dark Horse. In Italia pubblicata da comma 22. Per gentile concessione © degli aventi diritti

 

 

Nel 1999, fu pubblicata la continuazione di Luther Arkright, “Heart of Empire” prima come miniserie di 284 pagine (vincendo un Eagle Award e candidato a due Eisners), e poi in volume cartonato nel 2001, entrambi dall’editore Dark Horse), insieme a una versione su CD-Rom completo con oltre 65.000 parole di commento e ed altri extra. Il libro ha vinto premi anche in Spagna nel 2003. “Cuore dell’Impero” riprende i temi dell’opera originaria, li trasfigura nella figlia di Luther, e nel ritorno dalla morte del capitano Arkwright, e li rappresenta con una maestosità di colori (ad opera di Angus McKie), che diventano parte della narrazione e della “recitazione” dei personaggi, senza per questo perdere la forza evocativa che , nelle avventure di Luther Arkright, era dettata dal rigoroso bianco e nero. Nel nuovo libro c’è una rappresentazione cinica della regalità, il frequente ricorso al sesso e alla violenza e la nauseante critica all’etica del nazionalismo e dell’impero.

Nel 2007 arriva il suo nuovo capolavoro, il graphic novel di 320 pagine, Alice in Sunderland , che è stato pubblicato da Jonathan Cape nel Regno Unito e dalla Dark Horse negli USA. In Inghilterra il libro è giunto alla quarta ristampa. Esistono anche le edizioni in Italia, Spagna e la Repubblica ceca. Per quest’opera è stato nominato per un Quill Award, un Eagle, un Harvey e un Eisner. Alice è un’opera molto intensa, dalle tante caratteristiche: divertente, profonda, molto bizzarra ed anche polemica. E’ un viaggio storico, culturale, geografico, in un luogo sia fisico che mentale, intriso di magia. 08_AliceCover

Nel 2009 Talbot torna allo steampunk con il graphic novel, poliziesco, thriller, Grandville (che ha come protagonista l’ispettore leBrock, un tasso antropomorfo, in un’Inghilterra vittoriana); il romanzo a fumetti pubblicato nel Regno Unito e in altri sette paesi (tra cui l’Italia).
Il sequel Grandville: Mon Amour è stato pubblicato nel novembre 2010, mentre a fine dicembre del 2012 è stato pubblicato il terzo volume della serie, Grandville : Bête Noire, ancora inedito in Italia.
All’inizio del 2012, a febbraio, è uscito per l’editore Jonathan Cape un’altro nuovo capolavoro per Bryan, stavolta affiancato dalla moglie Mary ai testi: Dotter Of Her Father’s Eyes, ancora inedito in italia. Questa libro è stato premiato, lo scorso gennaio, con Costa Biography Award 2012, il prestigioso premio letterario inglese, con la seguente motivazione: “Una bellissima doppia biografia che attraversa i confini tra la letteratura e il genere grafico-fumettisticio con un effetto straordinario. un gioiello, un capolavoro. ”

13DotterPage5Bryan nella sua quarantennale cariera ha tenuto sei mostre personali di fumetti in Lancashire, a Londra, in Toscana, in Finlandia, in Svezia e a New York, ed è spesso ospite di festival internazionali di fumetti. Nel 1998 ha tenuto un corso di fumetti di cinque giorni all’università Ouro Preto, in Brasile e nel 2004 ha tenuto conferenze presso la Scuola del Fumetto a Firenze.
Nel 2000, ha ricevuto al San Diego Comicon l’Inkpot Award for “Outstanding Achievement in Comic Arts”. In Adult Comics di Roger Sabin (Routledge 1993) egli è citato come uno dei creatori della tipologia del romanzo grafico.
Talbot ha ricevuto un Dottorato onorario di Scienze Umanistiche dall’Università di Sunderland, nel luglio 2009; ed è la prima volta che questo dottorato è stato assegnato ad un autore di fumetti.

Nel luglio del 2012 è stato insignito di una Laurea honoris causa in Lettere, dalla Northumbria University, un riconoscimento del lavoro della sua vita ( o meglio della sua carriera ) nel campo di graphic novel.
Nel novembre del 2012, nell’ambito di Lucca Comics and Games 2012 ha ricevuto l’attestato benemerito di socio onorario della nostra associazione culturale.
Il 9 giugno  ha ricevuto il premio “Solano Lopez 2013″, alla terza edizione di EtnaComics 2013, a Catania (Itay), vedasi QUESTO LINK.

BRYAN TALBOT IN ITALIA

In Italia, a partire da 1992, sono state pubblicate quasi tutte le sue opere.The adventures of Luther Arkwright  in Italia è stato pubblicato nel ’93 per la casa editrice Telemaco.

Un’altra tavola tratta dal nuovo libro “Grandville”, uscita ad ottobre del 2009 anche in Italia. Per gentile concesisone

Nel 1983 Talbot inizia a lavorare per il settimanale 2000 AD, dove insieme a Pat Mills crea tre libri per la serie Nemesis the Warlock (pubblicato qualche anno fa in Italia). Dal 92′ inizia a collaborare con la DC COMICS, dedicandosi a titoli quali Hellblazer, the Sandman, the Nazz e Batman: Legend of the Dark Knight – The Mask. Tutte queste opere, tranne purtroppo the Nazz, sono state pubblicate in Italia: le storie di Sandman e Hellblazer (per l’ormai scomparsa editrice Comic Art), la mini the Mask, tratta dalla serie batmaniana Legend of Dark Knight, dalla Play Press.

E’ del 1996 la pubblicazione della pluripremiata “La storia del topo cattivo“, edita dalla Phoenix di Daniele Brolli, ristampato ad Ottobre 2009 nella collana “I Maestri del fumetti”, Mondadori. Ha collaborato poi con la Technocomics, disegnando la miniserie di sei numeri dal titolo Teknophage, scritta dall’amico Rich Veitch: quest’ultima pubblicata in Italia nel ’98 dalla Phoenix.

Nel 2005 in Italia è stato pubblicatio il primo volume di “Il Cuore dell’Impero”, a cura dell’Editrice Comma 22, siamo in attesa del secondo ed ultimo. E nel 2007 ha pubblicato la Graphic Novel di 300 pagine: “Alice in Sunderland”, le cui immagini sono visibili in altre pagine di questo sito dedicato a Byran Talbot. Il volumetto BRAINSTORM!  è stato pubblicato nel 2008.

A Lucca Comics nel 2010 è stato presentato, sempre da Comma 22 , “BRAINSTORM! (nel 2008)Grandville il nuovo libro a fumetti che presenta le avventure dell’ispettore leBrock, in un’inghilterra vittoriana, in stile steampunk; nel 2012 è stato pubblicato il secondo volume di “Grandville: mon Amoursempre a Lucca comics And Games. 

10_Grandville67Print
Pagina 67 della graphic novel Grandville (primo volume). Per gentile concessione © degli aventi diritti

Link per vedere il trailer di Grandville:

http://www.youtube.com/watch?v=aqMuf2ejpok&feature=channel_page

http://www.bryan-talbot.com

http://www.myspace.com/lutherarkwright

Principali post, dedicati a Bryan in questo blog:

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi